Chi siamo (about)



Uroboria è un blog semiserio (più "semi" che "serio", a dire la verità) in cui vengono pubblicati passi tratti da opere letterarie di vario genere, composte rigorosamente tra i primordi della scrittura e il 1899.

La nostra missione è quella di rendere giustizia ai testi che la critica secolare ha dimenticato, confinandoli in polverose e ammuffite biblioteche di collezionisti, e aprire loro un nuovo orizzonte di luce. Normalmente non ci riusciamo, finendo per buttare tutto in caciara alla seconda riga di introduzione, però almeno ci proviamo.

Oltre all'accurato lavoro di filologia, Uroboria presenta una sezione dedicata esclusivamente al suo pubblico d'élite: chiunque si diletti di prosa o poesia può inviarci i propri lavori senza temere alcuna censura, purché siano scritti secondo i canoni della letteratura antica (trovate tutte le info necessarie nello Statuto). Ebbene sì, siamo un circolo di nerd con la sindrome dell'età dell'oro.

Nonostante tutto, lavoriamo con passione dal luglio 2011 per garantirvi la peggiore qualità di cui siamo capaci.

[ENG] Uroboria is a half-serious blog (more "half" than "serious", to be honest) in which we publish passages taken by various literary works, composed between the beginnings of writing and 1899.

Our goal is to dignify those works that have been forgotten by the centuries-old critics, confined to the dusty and mouldy collectors' libraries, and to bring them to light again. We usually fail the purpose and ruin everything after the second introductive line, but at least we try.

In addition to this accurate philological work, Uroboria has a section exclusively dedicated to its refined audience: those who please themselves writing in prose or poetries can send us their works without worrying about  censorship (check out our Statute below for further information). Yes, we are a bunch of  nostalgic losers.

In any case, we work with passion since July 2011, guaranteeing the worst quality for the consumer.


* * *

CODEX VROBORIENSIS
Sodalitatis Uroboriae Declaratio

I. L'ideatore di questo spazio si propone, visto che non ha niente di meglio da fare (a tal proposito si accettano utili segnalazioni di posti di lavoro vacanti), di raccogliere un po' di letteratura antica, in prosa o in versi, che tratti dei più svariati argomenti, con una preferenza per l'erudito, il comico o il grottesco (ammettiamolo: l'epica, il sacro e i travagli amorosi hanno rotto le palle).

II. Chiunque è invitato a collaborare con Uroboria, segnalando le opere che ritiene significative o, perché no, facendo pervenire un proprio scritto: non importa l'estensione, basta che sia aderente, nel caso di un componimento in versi, ad una delle tipologie della poesia antica (sonetto, canzone, eccetera), mentre per quanto riguarda i testi in prosa è tassativo l'uso del volgare, del latino o del greco.

III. Su Uroboria regna la più sovrana libertà di espressione, senza filtri o censure di sorta: pubblicheremo, quindi, eventuali opere inedite che contengano scurrilità o si facciano beffe dei potenti (lunga vita alla satira), a patto che gli autori se ne assumano la piena responsabilità. Non temete, nessuno ci legge, quindi non dovreste essere a rischio querela.

IV. I testi pubblicati in questo blog abbracciano un arco di tempo che va dai primordi della scrittura fino al 1899, anche se, in linea teorica, il XIX secolo segna la nascita della letteratura moderna; ma 'sti cazzi, noi facciamo a modo nostro. E poi, per favore, non venite a dirci che nell'Ottocento mancassero i ciccioni della nobiltà in decadenza che, per scacciare la noia, scrivevano sonetti su qualsiasi idiozia, dal gusto esageratamente arcadico.

V. Per quanto riguarda i lavori inediti, in nessun caso li rimaneggiamo: se non ci convincono, non li pubblichiamo (ma figuratevi se ci mettiamo a fare gli snob). Potete affrontare qualsiasi tematica, anche legata all'attualità, purché nel rispetto delle regole enunciate al punto II.

VI. Essendo Uroboria un luogo di incontro per sfaccendati e non una patetica rivista letteraria, non abbiamo scadenze da rispettare. Di conseguenza potranno verificarsi lunghi periodi in cui non apparirà una singola riga, soprattutto a ridosso degli esami universitari e/o della stesura della tesi di laurea (eh sì, la società ci qualifica nonostante tutto come studenti): nel qual caso potrete rivolgervi all'199 303 404 ed esporre pacatamente le vostre lamentele. Qualcuno dovrà pure ascoltarvi.


* * *

Scritto, riletto e approvato dalla comunità Uroboriese
Fondatore: Ivan Bececco
Grosseto, 28 luglio M.M.XI. e.v.

Nessun commento:

Posta un commento